Forse vi sarà capitato di sentir parlare qualche volta di testamento segreto. Questa altisonante definizione che sembra richiamare per certi versi i migliori film di spionaggio degli anni ’70, si riferisce alla volontà del testatore (colui che redige il testamento), di mantenere celate le proprie volontà fino a dopo la sua morte. In questo breve articolo ne analizzeremo le caratteristiche e cercheremo di capire quali sono i vantaggi concreti di questa scelta che sempre più persone sembrano prediligere.

Questo testamento segreto può essere sia redatto di proprio pugno del testatore, il quale in questo caso dovrà semplicemente apporre la propria firma in calce per autentificarne la legittimità, sia da terze parti o battuto a macchina, ma in questo caso è fondamentale che il testatore apponga la propria firma su ogni mezzo foglio. Va inoltre ricordato che non si tratta di una “bozza” testamentaria, ma di un vero e proprio atto di successione riconosciuto dalla legge.

Il documento, una volta compilato ed autenticato viene poi affidato ad un notaio che provvederà a conservarlo fino alla morte del testatore. Il principali vantaggi offerti dal testamento segreto sono vari:

  • Viene garantita la completa privacy sulle volontà in esso contenute;
  • Nessuno può modificare o alterarne il contenuto se non il testatore stesso previa richiesta specifica al notaio che provvederà a metterla a verbale prima della restituzione;
  • Sicurezza di non smarrire l’atto o che esso possa essere sottratto.

Scegliere di affidare le proprie volontà a questa tipologia di testamento unisce quindi i vantaggi del testamento olografo a quelli del testamento redatto di fronte ad un notaio, garantendo con assoluta certezza il pieno rispetto delle volontà del testatore.

0 thoughts on “Testamento segreto: a cosa serve?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *